Parla  Shane Fitch, CEO e fondatrice di Lovexair è stata felice di raccontare le sue impressioni sulla collaborazione con Azatec Consulting.
Lovexair è una fondazione no profit creata per portare risorse significative sia ai pazienti che agli operatori sanitari e ai ricercatori nell’era digitale.
Il nostro obiettivo è collaborare con i nostri principali stakeholder e sviluppare capacità per una migliore assistenza sanitaria con empatia e comprensione. Stiamo lavorando a una serie di progetti chiave per il monitoraggio online dell’assistenza ai pazienti con un team di teleassistenza qualificato.
Abbiamo scelto Azatec perché stato il partner AWS più responsivo e collaborativo, nella delicata fase di progettazione dell’infrastruttura. Inoltre, Azatec ha costi ragionevoli e trasparenti, una cura estrema del cliente, disponibilità e flessibilità, nonché personale dal tratto umano e collaborativo. 
La nostra collaborazione con Azatec nasce da una relazione iniziale nel prendere confidenza con la gestione del cloud di AWS Health & Life Sciences. Il nostro percorso di sviluppo del progetto ci ha richiesto di avere un partner europeo con esperienza nell’infrastruttura cloud, per gestire un modello di crescita economicamente solido. Ciò è fondamentale per consentire le relazioni con i sistemi sanitari pubblici nella salute digitale.
La loro esperienza in Italia è simile alla nostra, c’è anche un reale bisogno di risorse digitali e di salute sociale, come in Spagna, in particolare con covid-19. Azatec è un’azienda che ha una rete di partner globale ed è anche innovativa, che guarda al futuro nell’IT. La loro iniziativa blockchain sarà fondamentale in futuro, per creare passaporti sanitari per le persone e per rafforzare il nostro accesso e la gestione dei dati in materia di salute, genetica e medicina personalizzata.
Iniziando come ONG, abbiamo ricevuto un grande supporto da AWS con crediti, consulenza e guida e questo ci dà un punto di partenza, per utilizzare un IT ben progettato che ci sosterrà mentre cresciamo.
Con AWS vorremmo esplorare come potremmo collaborare per promuovere la nostra ambizione nell’offrire soluzioni di assistenza clinica sostenibili in tutte le giurisdizioni, utilizzare l’intelligenza artificiale su solidi set di dati una volta che avremo, ad esempio, una partnership multi-stakeholder con i principali centri clinici di eccellenza e come potremmo espanderci queste soluzioni con wearable integrati o dispositivi intelligenti che presto saranno molto più accessibili alle persone.